Crea sito

Ti ho trovato fra le stelle – Recensione

ti ho trovato fra le stelle

Ti ho trovato fra le stelle di Francesca Zappia è un romanzo intenso e coinvolgente, capace di mischiare fiction, fanfiction, fumetto e social media.

Il genere young adult mi ha sempre spaventata, ma ultimamente sto trovando dei libri davvero belli ed in grado di sorprendermi positivamente. È il caso di Ti ho trovato fra le stelle di Francesca Zappia, un romanzo che avevo già adocchiato nella sua versione inglese – Eliza and Her Monsters –  per la meravigliosa copertina, ma che ho deciso di leggere solamente questo mese approfittando dell’uscita rilasciata da Giunti.

ti ho trovato fra le stelleTi ho trovato fra le stelle

Francesca Zappia

Editore: Giunti ● Pagine: 352 ● Prezzo: 10,20 €

Valutazione: ★★★★★

Acquistalo su Amazon.

TRAMA
Nel mondo reale, Eliza Mirk è una ragazza timida e solitaria, la strana della scuola. Online, è Lady Constellation, autrice anonima di un webcomic seguito da milioni di follower. Il computer è la sua tana del Bianconiglio, internet è il suo paese delle meraviglie… Eliza è felice così, la sua web community la fa sentire amata e parte di qualcosa di importante, il mondo reale non le interessa.
Poi a scuola arriva Wallace, un ragazzo che scrive fanfiction e non parla con nessuno, ma decide di aprirsi proprio con lei. Insieme a Wallace, Eliza scopre che anche la vita offline vale la pena di essere vissuta. Ma quando accidentalmente la sua identità segreta di Lady Constellation viene svelata al mondo, tutte le sue certezze – online e offline – vanno in frantumi.

Recensione

Ti ho trovato fra le stelle è il libro che avrei voluto leggere da ragazzina e che ogni adolescente, al giorno d’oggi, dovrebbe leggere.

La storia di Eliza e Wallace non è una semplice storia d’amore adolescenziale, non parla solo delle difficoltà di quella età, ma di tante altre tematiche importanti e vicine anche ad un pubblico più adulto.

ti ho trovato fra le stelleL’importanza della vita online e offline, ad esempio, è uno dei temi centrali del libro e viene sempre trattato con attenzione e mai con superficialità. Eliza vive, soprattutto all’inizio, completamente online. La sua vita, le sue amicizie, la sua passione che lei è riuscita a trasformare in lavoro vivono nella rete, in quel fandom creato dal suo webcomic “Mare di mostri“, ma ciononostante riesce a mantenere l’anonimato, a proteggere la sua identità offline e a stare sempre attenta a quanto di se stessa mettere in pasto al web.

Questa è stata una cosa che ho apprezzato tantissimo, trattandosi di un romanzo per ragazzi, perché soprattutto con l’uso che ormai si fa oggi dei social media, è importante far capire quanto il web possa essere insidioso, oltre che un luogo meraviglioso dove esprimere se stessi e trovare un gruppo di persone in grado di capirci e ascoltarci.

Ho degli amici. Forse vivono a distanza da me e forse posso parlare con loro solo tramite uno schermo, ma sono comunque miei amici.

Eliza, nel corso della narrazione, si troverà ad affrontare alcune di queste insidie, lasciandosi anche andare a pensieri distruttivi e depressivi, ma riuscendo a venirne fuori soprattutto grazie alla sua creatività, alla sua vita offline e alle persone che la popolano, di cui lei prima di allora non si rendeva nemmeno conto.

In questo caso viene sottolineata l’importanza della famiglia e dei genitori che, nella maggior parte dei casi a quell’età, vengono visti come degli estranei, ma che invece si rivelano essere le ancore di salvezza a cui aggrapparsi per non naufragare in quel mare di mostri generato dalla nostra mente.

Aveva disegnato così tanti mostri che era diventata lei stessa un mostro.

Dal canto suo, anche Wallace è un ragazzo profondamente segnato dal suo passato e che dovrà affrontare parecchi problemi. Pure in questo caso la Zappia è riuscita a non essere mai banale e a dare spessore alla storia del suo protagonista maschile, facendomi provare empatia ma a volte anche antipatia.

ti ho trovato fra le stelle

Perché sì, Eliza e Wallace sono due ragazzi con tantissimi difetti, che spesso sbagliano e che, soprattutto se visti con gli occhi di un adulto, possono apparire egoisti o menefreghisti, ma proprio per questo sono umani.

Sono due adolescenti presi dal loro mondo e dai loro problemi, due personaggi che mi hanno spinta a rivivere la mia adolescenza e a ricordare quanto simile fossi ad entrambi, con le mie paure, le paranoie di quell’età e tutta una serie di debolezze che solo crescendo sono riuscita a trasformare in forza.

Credo che sia questa la cosa migliore di Ti ho trovato fra le stelle, il modo che ha di parlare ai giovani, a coloro che si stanno trovando a vivere le stesse vicende di Eliza e Wallace, ma anche a quelli che ormai non lo sono più e che ricordano con un sorriso o una lacrima uno dei periodi della vita che più li ha segnati profondamente.

Un po’ come la vita, quello che dà significato alla storia è il fatto che finisca. Le nostre storie hanno una vita a sè e sta a noi riempirle di significato.

A tutto questo va a sommarsi una scrittura limpida e scorrevole, arricchita da pagine di fumetto e frammenti di chat che rendono ancora più reale quel mondo fatto di fanfiction, forum e fandom in cui qualsiasi geek che si rispetti può facilmente rivedersi.

Assolutamente consigliato!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

13 Reasons Why: le ragioni di un adolescente. – Recensione [No-Spoiler]

 

NOTA BENE:

Sono affiliata ad Amazon dunque, cliccando sui miei link ed acquistando qualsiasi prodotto, percepirò una commissione in buoni spendibili che utilizzerò per comprare materiale per alimentare il blog. Se vuoi sostenermi compra da Amazon attraverso il link sovrastante o questo generico: http://amzn.to/2nSarrs

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.